Trek Detail Trek Detail

Diventa socio

Prima di poter partecipare ad un trek devi sottoscrivere l'associazione a Trekking Italia.

Prosegui

Diventa socio

Non sei socio per l'anno di partenza del trek da te scelto.
Prima di poter partecipare al trek devi sottoscrivere l'associazione a Trekking Italia per l'anno di riferimento.

Prosegui

I mille volti di Palermo

Sentieri_metropolitani per riscoprire la città

Partenza:
24.10.2018

“O tu, Palermo, terra adorata, alza la fronte tanto oltraggiata, il tuo ripiglia primier splendor!” (G.Verdi, “I Vespri Siciliani”). Davanti a mare e monti, a splendori di civiltà e profonde ferite, faremo nostro l'auspicio di Giovanni da Procida.

  • Località Italia (Europa)
  • Formato Grande Trek
  • Durata 4
  • Voto medio
  • Tipologia Residenziale
  • Categoria Sentieri Metropolitani
  • Livello difficoltà Facile / medio
  • Sezione organizzatrice Lombardia
  • Stato del trek Anteprima
Mi interessa, tienimi informato
  • Sviluppo percorso Traversata
  • Vettori Mezzo pubblico Locale, Treno
  • Pernottamento Albergo
  • Tappa media 3:37 h
  • Lunghezza totale 43 km
  • Altitudine massima 420 m s.l.m.
  • Dislivello salita max 495 m
  • Dislivello discesa max 475 m

Descrizione

“O tu, Palermo, terra adorata,/ alza la fronte tanto oltraggiata,/ il tuo ripiglia primier splendor!”
(G.Verdi, I Vespri Siciliani).

L'Ottocento patriottico e libertario metteva queste parole in bocca a Giovanni da Procida, presentato come generoso attivista per una Sicilia languente sotto gli Angioini di Napoli, visti a loro volta come malvagi oppressori. Tenendo a mente queste parole per ciò che sembrano avere di attuale, faremo anche noi la nostra piccola parte nel tributare i giusti onori a una città di cui oggi tanto si parla, ma che in realtà non è molto conosciuta.
Attraversandola a piedi, ci stupiremo degli aspetti del tutto singolari di questo manufatto urbano, sia per quanto riguarda i monumentali edifici emergenti, sia per quanto riguarda il tessuto edilizio minore: è una diversità dovuta anche all'antichità della sua formazione, basti pensare che mille anni fa mentre le città europee erano poco più che villaggi, Palermo cresceva interrando insenature marine ed erigendo fortificazioni, palazzi ed edifici di culto. Ma in ogni epoca convissero splendore, espresso dai dominatori e dai maggiorenti di quel momento, e decadenza, patita dai resti del passato splendore di chi ormai non contava più niente. Dunque, in una cornice di mare e di monti pieni di luce il nostro sentiero metropolitano alternerà luci e ombre, profonde ferite – anche della nostra epoca ma non solo – e segni di una fierezza ancora capace di produrre risultati degni di tanto passato.

Informazioni sul viaggio

  • Andata
  • Ritrovo dei partecipanti presso la struttura ricettiva che verrà comunicata.
  • Ritorno
  • Viaggio di rientro con proprio vettore per Milano o per altre destinazioni.

Equipaggiamento consigliato

  • Borsa con abbigliamento per il necessario al soggiorno
  • Comodo pantalone lungo
  • Crema protettiva
  • Foulard/bandana
  • Guanti e cappello in lana o pile
  • Macchina fotografica
  • Mantella antipioggia
  • Medicinali personali
  • Necessario per la toilette
  • Occhiali da sole
  • Scarpe per il viaggio
  • Tessera di Trekking Italia
  • Tessera sanitaria (E-111)
  • Zaino giornaliero da 20 - 25 litri

Note su sanità

Nessun trattamento sanitario preventivo è richiesto e non ci sono accortezze particolari a cui attenersi.
I partecipanti provvedano ai medicinali di uso personale, ad una cura preventiva dei piedi.

Note

I soci partecipanti saranno equipaggiati con uno zaino 35/40 lt. che contiene il necessario al soggiorno.
Il viaggio per Palermo è a carico dei soci partecipanti che potranno usufruire delle offerte del mercato. L'associazione può farsi carico dell'organizzazione del viaggio ai prezzi ritenuti più convenienti al momento dell'acquisto.
Il programma delle escursioni può subire delle modifiche dovute alla situazione meteorologica o ad altri eventi imprevedibili. L'Associazione non è responsabile di variazioni e ritardi dei vettori durante il viaggio.

Programma giornaliero

Palermo, Stazione F.S. - Arenella

Giornata di trek

  • Partenza Palermo, Stazione F.S. 27 m s.l.m.
  • Arrivo Arenella 27 m s.l.m.
  • Tempo cammino 03:30
  • Lunghezza 11 km
  • Dislivello salita 110 m
  • Dislivello discesa 110 m
  • Altitudine massima 30 m

DESCRIZIONE TAPPA

Incontro dei partecipanti a Palermo e deposito dei bagagli in albergo.

TRAVERSATA N. 1 SUD – NORD

La vecchia Palermo è divisa in quattro parti da due lunghe e dritte strade che s'intersecano ad angolo retto: imbocchiamo subito una di esse, via Maqueda, che fra due ali di fastosi palazzi e chiese ci conduce allo scenografico incrocio centrale della città, i barocchi Quattro Canti, cioè i quattro angoli. Lì presso ci accoglie la piazza del Comune, chiamata Pretoria, scrigno di sorprendenti monumenti di stili diversi, dall'arabo-normanno al barocco, e arredata in modo inimitabile dalla grande fontana rinascimentale. Imboccato l'altro asse ortogonale della città, corso Vittorio Emanuele, lo abbandoniamo presto per esplorare il quartiere sudoccidentale, detto Albergheria, che stupisce per i contrasti: a brevissima distanza dalla raffinata ricchezza decorativa della chiesa dei Gesuiti si sperimenta lo spontaneo disordine del mercato di Ballarò, oggi il più multietnico dei tradizionali mercati di Palermo, e le condizioni fatiscenti di un centro storico semidistrutto dalle ingiurie della storia moderna.

Superato l'altro cuore monumentale della città, cioè le luminose spianate a giardino che accolgono il palazzo dei Normanni e la Cattedrale, scendiamo nel quartiere nordoccidentale del Capo, tradizionalmente il quartiere più povero, dalla rete intricata di piazzette e vicoli ciechi, assai animato per l'omonimo mercato.

Dalle viuzze si esce inaspettatamente davanti alla mole del Teatro Massimo che annuncia l'animato centro moderno della città, ottocentesco, innervato dalle due piazze dei teatri e dalla via Ruggero Settimo, anch'essa provvista dei suoi Quattro Canti (detti “di Campagna”).

Scendendo dalla piazza del Politeama verso il porto attraversiamo un popolare quartiere anch'esso ottocentesco, Borgo Vecchio, che oggi è rimasto il più genuinamente palermitano della città. Osservato l'impianto dell'Ucciardone, ai suoi tempi – due secoli fa – un carcere all'avanguardia, passiamo da tranquille e dimesse zone di residenze operaie di varie epoche gravitanti intorno ai cantieri navali, ravvivate da rapporti sociali intensi, per raggiungere due pittoresche borgate suburbane affacciate sul mare: Acquasanta, antico luogo di delizia con ville barocche e col Grande Albergo Villa Igea, capolavoro del liberty, e Arenella, sorta intorno a un'antica tonnara.

Bus pubblico, rientro in albero e cena libera.

ITINERARIO

Trek: Stazione F.S., Quattro Canti, Ballarò, Piazza della Vittoria (Villa Bonanno), il Capo, Teatro Massimo, Politeama, Borgo Vecchio, l'Ucciardone, Acquasanta, Arenella.

- pranzo con propri viveri

Villa Giulia - Piazzale De Gasperi

Giornata di trek

  • Partenza Villa Giulia 10 m s.l.m.
  • Arrivo Piazzale De Gasperi 50 m s.l.m.
  • Tempo cammino 03:30
  • Lunghezza 11 km
  • Dislivello salita 125 m
  • Dislivello discesa 85 m
  • Altitudine massima 50 m

DESCRIZIONE TAPPA

TRAVERSATA N. 2 SUD – NORD

Colazione en trasferimento a Villa Giulia.

La giornata di oggi comincia dai due quartieri storici prospicienti il mare.

Partiamo dalla Villa Giulia, uno dei più antichi giardini pubblici d'Italia, dalle eleganti prospettive, e ci addentriamo nel tranquillo quartiere della Kalsa, zona di residenze aristocratiche fin dal tempo della dominazione araba. Si aprono scorci su palazzi barocchi e antiche chiese, in un ambiente urbano da tempo sfrangiato da crolli che hanno lasciato ampi spazi vuoti. Qui le ristrutturazioni edilizie stanno lentamente mutando la composizione sociale dei residenti. D'altronde, non sono brutti posti per scegliervi una seconda casa: noi stessi verificheremo che varcando maestose porte urbiche costruite nel '500 attraverso le mura prospicienti il mare, ci si trova su un' ariosa passeggiata pensile settecentesca che fu il primo lungomare in Italia, il Foro Borbonico (oggi Italico).

Dopo il lungomare la linea di costa descrive un seno ricurvo e pittoresco: la Cala, che è quanto resta del porto antico ed altomedievale della città, che si estendeva più all'interno. Dove una volta c'era l'acqua, si sono sviluppate dal Basso Medioevo le zone che che ora attraversiamo, passando dalla Kalsa al quartiere di Castellamare.

Zigzaghiamo per una planimetria cittadina tortuosa e perciò sorprendente quando si apre su edifici monumentali. Lì si trova la Vuccirìa, il più noto degli antichi mercati. Usciamo sull'affaccendata via Roma, strada di sventramento ottocentesco che attraversa tutto il centro offrendo notevoli episodi liberty, e ritroviamo la piazza del Politeama. Qui inizia la strada principale della Palermo moderna, il viale della Libertà: strada dei bei negozi e asse del quartiere delle residenze borghesi d'inizio '900. Il lungo percorso, ravvivato da lussureggianti zone di verde, attraverso il variare delle architetture documenta le fasi di ampliamento della città, fino allo scenografico monumento per il cinquantenario della Spedizione dei Mille. Ma l'asse viario Maqueda – Ruggero Settimo – Libertà ha conosciuto un ulteriore prolungamento nella seconda metà del '900 attraverso quella che si chiamava la Piana del Colli: è lì che termina la nostra giornata, davanti alla barocca villa Resuttano, rimasta del tutto nascosta in uno scenario peraltro grandioso e coerentemente disegnato di case moderne insolitamente grandi per le nostre città.

Bus pubblico e rientro in albergo e cena libera.

Via Imperatore Federico - Palazzina Cinese

Giornata di trek

  • Partenza Via Imperatore Federico 40 m s.l.m.
  • Arrivo Palazzina Cinese 60 m s.l.m.
  • Tempo cammino 04:00
  • Lunghezza 11 km
  • Dislivello salita 495 m
  • Dislivello discesa 475 m
  • Altitudine massima 420 m

DESCRIZIONE TAPPA

MONTE PELLEGRINO E PARCO DELLA FAVORITA

Colazione e trasferimento in treno per stazione Imperatore Federico.

Per paesaggi ed ambienti attraversati, questa giornata potrebbe valere come bellissimo trek non metropolitano. Ma la nostra meta in cima al M. Pellegrino, il santuario di S. Rosalia, ha una tale importanza nella tradizione culturale e spirituale di Palermo, da giustificare la sua inclusione in un sentiero metropolitano. Anche dal punto di vista geografico il M. Pellegrino, incombente sulla città e visibile come sfondo scenografico da molti scorci delle sue strade, è quasi parte di essa. Perciò, presa la “metropolitana”, in realtà un treno che gira intorno alla città con una corsa ogni mezz'ora, scendiamo nella parte settentrionale del suo percorso e imbocchiamo la salita oggi pedonale al monte, un'ampia strada selciata progettata alla fine dell'800 con interessanti viadotti, per meglio accogliere le processioni religiose. La luce marina e la macchia siciliana accompagnano lungo la salita fino al singolare santuario, dove la barocca facciata di chiesa è in realtà la facciata di una chiesa rupestre.

Entrati, procediamo attraverso barocchi spazi architettonici e ambienti ricavati nella nuda roccia, ornati da preziosi altari e statue, ex-voto di fedeli, lapidi in ricordo di storici visitatori, fino a penetrare nella grotta dove nel XII secolo visse in romitaggio la giovanissima Rosalia, rampollo di una famiglia nobile normanna. Una deviazione ci conduce al punto più panoramico proteso sul mare, con ampia vista sulla città.

Per scendere, l'unico percorso pedonale alternativo a quello d'andata è un ripido sentiero volto verso terra (si consigliano scarpe da trek), oscuro come ci si può aspettare dal fondo di un vallone e verdeggiante di vegetazione favorita dalla relativa umidità del luogo. Si scende al Parco della Favorita, realizzato dal 1799, grandiosa opera dei Borboni e vittima in tempi moderni di un lungo abbandono. Camminiamo attraverso la fettina di parco più tranquilla e godibile, dove il degrado della vegetazione è meno grave, godendoci la vista di opere scultoree che fanno da sfondo ai viali prospettici oggi lasciati in balia del traffico automobilistico.

La giornata si conclude alla stupefacente e preziosa Palazzina Cinese, anch'essa frutto del forzato soggiorno del re delle Due Sicilie a Palermo quando l'Italia peninsulare era dominata da Napoleone.

Bus pubblico e rientro in albergo e cena libera.

ITINERARIO

Trek: via Imperatore Federico (40 m), via Santuario Montepellegrino, S. Rosalia Santuario (420 m), S. Rosalia Statua -belvedere, Parco della Favorita (scuderie e fontana di Ercole), Palazzina Cinese (60 m)

- pranzo con propri viveri

Piazza Indipendenza - Piazza Guglielmo II (Duomo)

Giornata di trek

  • Partenza Piazza Indipendenza 35 m s.l.m.
  • Arrivo Piazza Guglielmo II (Duomo) 310 m s.l.m.
  • Tempo cammino 03:30
  • Lunghezza 10 km
  • Dislivello salita 310 m
  • Dislivello discesa 35 m
  • Altitudine massima 310 m

DESCRIZIONE TAPPA

DAL PALAZZO D'ORLÉANS A MONREALE

Colazione e trasferimento in treno a Piazza Indipendenza.

Con un ampio giro attraverso la periferia meridionale, passando nei pressi della chiesa di Santo Spirito dove accadde l'episodio che innescò la rivolta dei Vespri Sicilani, in vista del M. Pellegrino immortalato da Hayez nel suo quadro che rappresenta appunto quell'episodio, la “metropolitana” ci conduce alla verde spianata che guarda i possenti muri del palazzo dei Normanni, il Palazzo d'Orléans e la cinquecentesca Porta Nuova. Da qui parte il corso Calatafimi, proseguimento tracciato nel '500 del corso Vittorio Emanuele, che conduce diritto a Monreale. Ma noi imbocchiamo una strada divergente a destra che innerva un vecchio e caratteristico sobborgo della città e ci conduce a due preziose residenze di epoche diverse: il villino Florio, capolavoro del liberty palermitano situato in un tranquillo quartiere signorile, e la Zisa, villa di delizia dei re normanni costruita da maestranze arabe, ben visibile anche da fuori.

La zona intorno ad essa, fino a pochi decenni fa molto periferica, accoglie un paesaggio urbano misto, istruttivo della realtà della Palermo odierna: vecchi cascinali, ville barocche, modesti quartieri di un secolo fa dall'aspetto gentile, condomini moderni sparsi abbastanza a caso, edifici superstiti di età normanna, oggi più o meno conservati, ai loro tempi immersi in rigogliosi parchi; però c'è anche una recente scenografica sistemazione a giardino pubblico di un vasto terreno davanti alla Zisa, che l'ha resa più visibile e l'ha connessa alle zone centrali della città. Attraversiamo appunto la Conca d'Oro: del paesaggio fino a poche generazioni fa cosparso d'aranceti, oggi rimasti solo nel suo nome evocativo verificheremo la condizione attuale.

La lunga salita ci conduce infine a Monreale, impreziosita dai suoi celebri monumenti. Nel Medioevo infatti fu un'importante città ben distinta da Palermo, tanto che secoli dopo, nel 1762, il suo arcivescovo realizzò un'opera viaria eccezionale per quei tempi in una strada extraurbana: due ampi tornanti ornati entrambi da fontane, grazie ai quali la salita a Monreale rimarrà dolce fino alla fine.

Bus pubblico e rientro in albergo, ritiro dei bagagli e viaggio di rientro alle proprie sedi.

ITINERARIO

Trek: P.za Indipendenza (35 m), via Colonna Rotta, via Regina Margherita, P.za Zisa, Cuba Soprana, corso Calatafimi; in Comune di Monreale: via Fontana del Drago, via D'Acquisto, P.za V.Emanuele, P.za Guglielmo II (Duomo) (310 m)

- pranzo con propri viveri

torna su

Trek Live

Scopri i trek che si stanno svolgendo in questo momento

Trek Scuola

Camminando con Marco Polo

Categoria Arte e Storia
Partenza 10.5.2016
Sezione

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit.

  • Durata 1 GIORNI
  • Livello di difficoltà Facile
  • Stato del trek
  • Quota di partecipazione da € a €
Confronta Aggiungi ai preferiti 3

Trek Scuola

Camminando con Marco Polo

Categoria Arte e Storia
Partenza 10.5.2016
Sezione

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit.

  • Durata 1 GIORNI
  • Livello di difficoltà Facile
  • Stato del trek
  • Quota di partecipazione da € a €
Confronta Aggiungi ai preferiti 3

Trek Scuola

Camminando con Marco Polo

Categoria Arte e Storia
Partenza 10.5.2016
Sezione

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit.

  • Durata 1 GIORNI
  • Livello di difficoltà Facile
  • Stato del trek
  • Quota di partecipazione da € a €
Confronta Aggiungi ai preferiti 3

Trek Scuola

Camminando con Marco Polo

Categoria Arte e Storia
Partenza 10.5.2016
Sezione

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit.

  • Durata 1 GIORNI
  • Livello di difficoltà Facile
  • Stato del trek
  • Quota di partecipazione da € a €
Confronta Aggiungi ai preferiti 3

Trek Scuola

Camminando con Marco Polo

Categoria Arte e Storia
Partenza 10.5.2016
Sezione

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit.

  • Durata 1 GIORNI
  • Livello di difficoltà Facile
  • Stato del trek
  • Quota di partecipazione da € a €
Confronta Aggiungi ai preferiti 3

Trek Scuola

Camminando con Marco Polo

Categoria Arte e Storia
Partenza 10.5.2016
Sezione

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit.

  • Durata 1 GIORNI
  • Livello di difficoltà Facile
  • Stato del trek
  • Quota di partecipazione da € a €
Confronta Aggiungi ai preferiti 3

Per visualizzare questo tipo di trek devi scegliere una sezione

Login Login

Per visualizzare questo contenuto devi effettuare l'accesso

Registrati

Trek aggiunto alla tua wishlist.

Vai alla Wishlist

Trek rimosso dalla tua wishlist.

Vai alla Wishlist

Condividi il Trek con un amico!

Email inviata Correttamente!

Errore nell'invio dell'email!

Invia

Trek aggiunto alla tua wishlist.

Per pubblicare immagini devi accettare la nostra policy

Prosegui

Condividi questo trek via mail

Sentieri innevati nel parco puez-odle
Invia

Richiedi informazioni su questo trek

Invia

Richiesta effettuata

Mi interessa! Tienimi informato


Annulla Invia

Mi interessa! Probabilmente parteciperò

Questo trek è di tuo gradimento? Sei intenzionato a partecipare ma non sei ancora pronto per iscriverti subito? Attraverso questo form puoi farci sapere che ci stai pensando...

Non ti possiamo tuttavia tenere riservato il posto!
I posti rimangono totalmente disponibili agli utenti che procedono con l'iscrizione (online o presso la nostra sede).
Potremo però utilizzare la tua segnalazione per ricordarti il trek o ricontattarti prima della chiusura delle iscrizioni, nel caso ci fossero ancora posti disponibili.

Annulla Invia

Scrivi una recensione

Invia

La tua recensione è stata inviata

Recensione

Richiedi la riedizione di questo trek

Invia

Richiesta effettuata